le vere olive all’ascolana

ECCO COMINCIAMO CON LE RICETTE E PER INIZIARE IN BELLEZZA NON POSSONO MANCARE LE OLIVE ALL'ASCOLANA  CHE SVELANO ANCHE LA MIA PROVENIENZA IO SONO DI ASCOLI PICENO..
LE OLIVE ALL'ASCOLANA
INGREDIENTI:

  • OLIVE VERDI GRANDI DEL TIPO ASCOLANO
  • 1 KG  DI CARNE DI MANZO
  • 250 G DI CARNE DI TACCHINO
  • 250 G DI CARNE DI POLLO
  • 200 G DI CARNE DI MAIALE
  • CAROTE , SEDANO CIPOLLA
  • CHIODI DI GAROFANO
  • VINO BIANCO
  • OLIO
  • SALE
  • PARMIGIANO GRATTUGIATO
  • UOVA
  • NOCE MOSCATA
  • FARINA
  • PANE GRATTUGIATO
  • LATTE

PREPARAZIONE:

FAI  LA CARNE A PEZZI COME QUANDO FAI LO SPEZZATINO E CUOCI IN PADELLA CON: CIPOLLA, SEDANO,  CAROTA, SALE , CHIODI DI GAROFANO ,VINO BIANCO E OLIO.
QUANDO E' COTTA FAI FREDDARE POI PASSALA AL TRITA CARNE.
METTILA IN  UNA CIOTOLA E UNISCI: PARMIGIANO GRATT. , UOVA, NOCE MOSCATA E UN PO DI LATTE .
CON L'IMPASTO OTTENUTO FAI DELLE PALLINE ALLUNGATE SIMILI AD UN'OLIVA.
ADESSO ARRIVA LA PARTE PIU DIFFICILE:
PRENDI LE OLIVE VERDI E PRIVALE DEL NOCCIOLO  IN MODO DA OTTENERE UNA STRISCIA DI OLIVA CONTINUA TIPO UNA SPIRALE, PRENDI LA PALLINA DI CARNE E RIVESTILA COL LA STRISCIA DI OLIVA. ADESSO PASSALE PRIMA NELLA FARINA POI NELL'UOVO E POI NEL PANE GRATTATO, QUINDI DI NUOVO NELLA FARINA POI UOVO E PANE(IN PRATICA UNA DOPPIA IMPANATURA)
INFINE FRIGGILE IN ABBONDANTE OLIO CALDO.
SONO TROPPO BUONE!!! NOI ASCOLANI NE ANDIAMO FIERI.
IO LE FACCIO SPESSO CON QUESTA DOSE NE VENGONO TANTE , POI LE CONGELO IN DEI SACCHETTINI E LE FRIGGO ANCHE SENZA SCONGELARLE PRIMA.

naturalmente quelle della foto ne sono un assagino per merenda..

le vere olive all’ascolanaultima modifica: 2006-09-06T15:20:19+00:00da tittabilo80
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “le vere olive all’ascolana

  1. Tra le sciempiaggini citate nei 46.000 siti che propongono leolive all’ascolana “IL LATTE ” mi mancava proprio …… molto originale e migliore della pancetta, mortadella midollo di bue, prosciutto, fegatini di Panda gigante e lingue di uccello del paradiso.
    Sono ascolano DOC e appassionato di tradizioni ascolane nonchè collaboratore del volume edito del nostro Club “LA LIVA FRITTA” che conoscerai sicuramente. E vero che ogni famiglia varia la ricetta base a sua discrezione ma, da quando è stato messo “nero su bianco” con il disciplinare pubblicato sulla G.U. n. 46 del 24 febbraio 2006 penso non ci siano più scusanti. Mi perdoni di aver cercato il pelo sull’uovo su una versione che è eccellente e si pone tra le migliori che il web ci offra.
    Bruno

  2. signor bruno la ringrazio per il suo commento e la precisazione……anche io sono ascolana e molto legata alla tradizione …cio’ nonostanze penso che non vi sia nulla di male nel personalizzare le ricette a propio gusto non metto nell’impasto gran quantita’ di latte appena un goccio e solo se l’impasto risulta poco morbido saluti titta

Lascia un commento